Tributi: procedura di rimborso della quota variabile della TARI non dovuta

Un sindaco ha chiesto se sia contabilmente corretto coprire la spesa derivante dal rimborso di tributi – non dovuti e di competenza di esercizi finanziari precedenti – con entrate ascrivibili alla fiscalità generale.

I magistrati contabili della Lombardia, con la deliberazione 139/2018, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 14 maggio, hanno chiarito che il rimborso della quota variabile della TARI non dovuta e di competenza di esercizi finanziari precedenti, può trovare copertura in entrate ascrivibili alla fiscalità generale.

Leggi la deliberazione
CC Sez. Controllo Lombardia del. n. 139-18

Autore dell'articolo: Staff Ennaweb.com