Regalbuto: dimensionamento scolastico a causa delle poche nascite

Regalbuto – L’Amministrazione Comunale di Regalbuto affronta il nodo del dimensionamento scolastico a causa delle numerose diminuzioni di nascite che il territorio ha subito negli ultimi anni. Già negli anni scorsi la scuola aveva sottolineato la necessità di valutare possibili accorpamenti che adesso diventano necessari alla luce delle recenti proiezioni che non sono rassicuranti per la popolazione scolastica regalbutese. L’Amministrazione comunale a guida del Sindaco Bivona ha già pronto un programma di dimensionamento che ha reso pubblico nei primi giorni di gennaio al consiglio di istituto e che prevedibilmente ha creato un primo malumore in una parte di genitori.

La riduzione del numero degli iscritti fa protendere per la riqualificazione di un edificio scolastico di infanzia, plesso Rodari, e per l’accorpamento di un altro plesso di infanzia, il Cordaro, che però cambierebbe soltanto di piano ritrovandosi nello stesso istituto.

Il Sindaco di Regalbuto Francesco Bivona  “La diminuzione dei bambini nei piccoli comuni è ormai un dato di fatto con cui bisogna fare i conti. Abbiamo fatto tutte le valutazioni del caso partendo sempre da due considerazioni ovvero la necessità di procedere al dimensionamento per oggettivi motivi di diminuzioni numerica dei bambini e la necessità altresì di creare il minor disagio possibile alle famiglie ma soprattutto garantire adeguati spazi ai bambini. L’accorpamento riduce le spese, migliora l’organizzazione della scuola e libera risorse e spazi da utilizzare per altri servizi. La soluzione finale dello spostamento delle due classi dal plesso Rodari al plesso don Milani adeguatamente riqualificato, concede ai bambini spazi esterni nuovi da poter sfruttare ed una palestra, oltre al fatto che questa scelta ci permette la riapertura del Servizio Biblioteca, servizio importante che da qualche anno non è più perfettamente fruibile. Tali azioni come rappresentato ai genitori degli alunni ed alla scuola – continua il Sindaco – sono subordinati ai tempi di esecuzione dei lavori di adeguamento dei plessi ma ci è sembrato corretto comunicare la linea che stiamo seguendo prima dell’avvio delle iscrizioni del nuovo anno scolastico 2018/2019.”

Il Vice Sindaco Giaggeri con delega alla Pubblica Istruzione precisa infine che “il dimensionamento scolastico è stato frutto di un lungo confronto tra scuola e comune ed in queste giorni anche con una parte di genitori che hanno richiesto un incontro e con cui si è avuto un costruttivo confronto circa il tema trattato. L’incontro ha evidenziato lo stato delle future iscrizioni ed il progetto che l’amministrazione intende portare avanti per il quale non verrà mai a mancare il dialogo con tutte le parti interessati, in primis le famiglie. ”

Autore dell'articolo: Staff Ennaweb.com